Categorie
Senza categoria

Tramonto

LIFE – RELATIONSHIP

Non so se anche a voi è capitato di stringere per tanto tempo un’amicizia con una persona e poi all’improvviso, senza un reale motivo, si spezza tutto ed entrambi vi allontanate. A me è successo, ormai sono passati quattro anni, ma nonostante tutto questo tempo ogni volta che viene pronunciato il suo nome mi sento come se si aprisse un vuoto dentro di me. E la domanda è sempre quella: come è potuto succedere? Da qui la mente vaga sulle varie possibili motivazioni che hanno causato l’allontanamento. E’ stata colpa mia? E’ stata colpa sua? Abbiamo litigato? Apparentemente niente di tutto questo è successo.

Poi arriva inesorabilmente sempre la stessa risposta a tutto ciò: ad un certo punto, non bene definito, ha cominciato ad ignorarmi totalmente. C’è da dire che spesso le capitava di avere momenti di ansia e sapevo che in quel caso avrei dovuto lasciarla stare perché opprimerla con i miei aiuti non avrebbe fatto altro che peggiorare la situazione. Era sempre stato così. Questo silenzio però è durato mesi, poi anni. Ed eccomi qui, a sentire il suo nome e provare un vuoto. Ma se non è colpa mia perché mi sento così? Ho fatto quello che si poteva fare, le ho riscritto dopo un anno e anche lì ho ricevuto solo silenzio. Alla fine la tristezza si è trasformata in rabbia, e la rabbia in rassegnazione. Fino a quando ho accettato la cosa, e con dispiacere l’ho lasciata alle spalle.

Ma come tutte le questioni, se non viene chiusa non potrà mai essere accettata veramente, rimarrà lì. Immobile, per sempre, e ad ogni stimolo esterno ricompare, esattamente come prima. Ma quando provi a chiudere qualcosa, hai sempre bisogno dell’altro. In questo caso l’altra parte non comunicava più. Poi un giorno, casualmente, mi ritrovo faccia a faccia. Io stavo facendo manovra con la macchina, ci guardammo e in quel momento avevo davanti due scelte. Salutarla e andare via, tenendo la questione aperta ancora per molto, o avvicinarmi per parlare. Quindi fermo l’auto, lei mie viene incontro e dopo quattro anni ci chiediamo Come va?

Abbiamo parlato un po’, poi le ho chiesto a bruciapelo come mai non mi avesse più risposto né scritto per così tanto tempo. Non mi interessava sapere se era colpa mia o sua, volevo solo capire come mai.

Mi spiegò che ha passato un brutto periodo, di ansia e attacchi di panico, e quando ne era uscita non voleva più riprendere i contatti perché mi associava a quel periodo, anche se io non avevo fatto nulla per ferirla. Io, imprevedibilmente, non mi sentivo per nulla rancorosa, le ho risposto che semplicemente la capivo. E che andava bene così. Alla fine siamo rimaste per un’ora a chiacchierare del più e del meno. Poi quando sono risalita in macchina mi sentivo leggera. Quel peso nello stomaco era svanito. Quel vuoto era stato riempito, la questione era chiusa.

Da quel giorno non ci siamo più scritte o viste, ma tutto questo non era più importante, è in quel momento che l’ho accettato. Non saremmo più state amiche, ma nemmeno nemiche. Siamo solo due persone che si sono conosciute, hanno trascorso dei momenti belli e dei momenti brutti e poi si sono separate per prendere ognuno la sua strada. Ce n’è voluto di tempo per arrivare a chiudere il cerchio, ma prima o poi si arriva sempre. Non è una cosa che si decide da soli, ma credo che sia il caso a portarci verso la direzione giusta. Noi semplicemente dobbiamo solo farci trasportare, capire i segnali e osservare emozionati il tramonto delle cose. Ogni cosa ha un inizio e una fine, niente dura per sempre.

Photo by Pexels

Una risposta su “Tramonto”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...