Categorie
Senza categoria

Mooncup

SELFCARE – GREEN

Se ne parla davvero troppo poco, io l’ho scoperta tramite una mia collega che la considerava una svolta. Prima di acquistarla però ho voluto cercare maggiori informazioni per capire se davvero era adatta a me. Sappiamo benissimo che la fase mestruale è diversa per tutte e sopratutto è molto personale e unica. Non aspettatevi quindi di ricevere consigli su cosa acquistare da qualcuno al di fuori di voi stesse. Come ogni cosa, se non è confortevole e non vi fa sentire a vostro agio è indispensabile che vi spostiate su altro.

Circa 4 anni fa ho deciso di acquistarla e anche se a prima vista sembra davvero enorme vi assicuro che non infastidisce più di un assorbente interno. Da allora la considero essenziale sopratutto durante i primi giorni di ciclo.

COME FUNZIONA

La Mooncup è una coppetta in silicone che al contrario di un normale tampone raccoglie il sangue anziché assorbirlo. Una volta piena può essere estratta e svuotata direttamente nel wc, è consigliato svuotarla ogni 6-8 ore. Può essere utilizzata per davvero molto tempo, a patto di prendersi cura correttamente di essa. La coppetta infatti deve essere lavata con sapone delicato e immersa in acqua bollente per almeno 5 minuti per disinfettarla bene, questo andrebbe fatto prima di ogni inserimento, ma quando si è in giro si può portare una coppetta di riserva oppure svuotarla e lavarla con quello che si ha. Per l’inserimento esistono diversi metodi che solitamente trovare spiegati all’interno del foglietto di istruzioni. La coppetta costa all’incirca intorno ai 30€, ma ne vale davvero la pena considerando che ogni mese spendiamo circa 5€ in assorbenti.

1 – RISPETTA L’AMBIENTE

Avrete letto sicuramente che gli assorbenti sono costituiti per il 90% di plastica, e impiegano circa 500 anni per smaltirsi. Utilizzando strumenti sostenibili come appunto la coppetta mestruale evitiamo di aumentare la quantità di rifiuti. Essa infatti è riutilizzabile per molti anni, si dice che possa arrivare anche a 10 anni prima di essere sostituita. Inoltre è fatta di silicone e non di plastica.

2 – NON E’ FASTIDIOSA

Questo vantaggio è del tutto soggettivo e quindi è da prendere con le pinze. Al contrario dei tamponi, che vengono inseriti più in profondità, la coppetta deve essere inserita più in basso possibile. Questo perché non ha la funzione di assorbire ma di raccogliere, quindi più in basso è e meglio funziona. Se però nonostante questo ti dà ancora fastidio allora è necessario che tu riprenda ad utilizzare i normali assorbenti, in questo caso prima dell’ambiente deve venire il tuo benessere. Se ti accorgi, utilizzandola, che vedi o senti delle perdite uscire e sporcare il salvaslip, prova a riprendere la coppetta con le dita e a trascinarla più verso il basso.

3 – E’ SICURA

Durante i primi giorni, nella norma, il flusso è al suo picco. Chi utilizza gli assorbenti esterni sa che in quei giorni un’ansia latente le terrà compagnia per tutto il tempo. Quest’ansia si chiama e se mi sporco? Quindi si evita di sedersi con le gambe incrociate, si sente il sangue che esce quando si sale o scende dall’auto, quando ci si siede, quando si starnutisce. Insomma, una vera seccatura. Con l’assorbente interno e quindi anche con la coppetta tutto questo si evita. Una volta inserita correttamente potete lasciare a casa le vostre paure e vivere serenamente anche in quei giorni.

SHOCK TOSSICO

Se utilizzate i tamponi interni sarete sicuramente già a conoscenza della possibilità di avere una sindrome da shock tossico. Purtroppo anche con la coppetta c’è questa possibilità, perché il batterio stafilococco aureo per produrre le tossine che avvelenano l’organismo ha bisogno di ossigeno per potersi replicare meglio e inserendo il tampone o la coppetta stiamo effettivamente inserendo anche un po’ di ossigeno nella vagina. Questa informazione però non deve creale allarmismi inutili perché la TSS rimane comunque una malattia rara, in quanto non tutte hanno questo batterio all’interno della vagina e nella maggior parte dei casi il corpo riesce a creare gli anticorpi necessari.

LA MIA ESPERIENZA

Normalmente i primi due giorni di ciclo cambiavo l’assorbente ogni 3 ore, con la coppetta arrivo anche a 5-6 ore con un flusso importante. Si può tenere anche di notte perché teoricamente si può indossare per massimo 8 ore. Mi sento di sconsigliarla se soffrite di vulvodinia, ovviamente, o se in qualunque momento sentite fastidio o dolore. Le prime volte assicuratevi di avere sempre un salvaslip per evitare di sporcare le mutande di qualche gocciolina di sangue che inevitabilmente le prime volte uscirà sempre. Consigliata assolutamente per non rinunciare al mare o alla piscina.

Photo by Pexels

La vagina felice | Mooncup | Mestruazioni senza tabù

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...